Qualche effetto del turismo di massa in montagna

Da il 23 agosto 2016
pecora morta rifugio sandro pertini

Questo articolo è già stato letto 52508 volte!

Con queste splendide giornate la montagna affascina e viene presa d’assalto, oltre che dai veri appassionati, anche da improvvisati e improbabili alpinisti. Qualche episodio negativo purtroppo non manca, provocato molte volte da superficialità e maleducazione tipici del turismo di massa…

Riflessione pacata di un rifugista:

“Questo è il risultato dell’ignoranza delle persone che in montagna pensano di poter fare quello che vogliono…

Lasciar libero il cane che rincorre le pecore, le morde alle zampe e le fa cadere da una scarpata uccidendole.
Altro passatempo… Dopo cena in terrazza, tirare sassi sul sentiero sottostante facendo a gara a chi lancia più lungo… Poi se qualcuno prende una pietra in testa ci facciamo due risate.
Due dei tanti aneddoti che noi rifugisti possiamo raccontare in questa estate particolarmente affollata…

Pretese, lamentele e recensioni cariche d’insulti per la mancanza di: frutta, verdura fresca, gelato, il ghiaccio nella bibita, della connessione Wi-Fi, pagamenti con carte, servizio troppo frettoloso, servizio troppo lento…
Secondo me c’è molta ignoranza sul dove ci si trova, altri dicono giustamente che non è un problema del rifugio, ma della società che ormai pretende tutto, subito e ovunque.

Sia ben chiaro che non ho nulla in contrario ai cani, ai loro padroni, ai turisti italiani o stranieri… Volevo solo dire che secondo me molti non si rendono conto dove si trovano e che basterebbe solo un po di rispetto e buon senso… Già ieri sera c’era chi mi scriveva dicendo che servono regolamenti appositi… A me non piacciono queste cose… La montagna non può diventare un labirinto di regole e imposizioni, ne abbiamo già fin troppe sia in valle che in città.

Naturalmente non tutto è negativo, anche quest’estate abbiamo conosciuto bellissime persone e trascorso con molte belle serate attorno alla stufa.  Sono convinto che la montagna possa essere vissuta da tutti ma con un minimo di buon senso, consapevolezza e rispetto.

Buona montagna a tutti… E che vi vada meglio della povera pecorella!”

(Lorenzo Battisti – Rifugio Sandro Pertini Val di Fassa)

pecora morta rifugio sandro pertini

Segnaliamo altri episodi sui generis

Il mitico Suv

Grazie al “turista” ho scoperto che si può andare con il proprio SUV su strade silvo pastorali per pedoni e ciclisti (con tanto di divieto ai mezzi a motore non regolamentati), salvo poi accorgersi che si è sbagliato qualcosa e quando ormai è troppo tardi….     (leggi anche la versione invernale “Il suv di città è tornato sulle Dolomiti“)

suv in badia

 Pur di non dormire in Hotel..

pur di non dormire in hotel..

E chi invece l’Hotel non lo trova più..

Successa alle porte di Cavalese pochi giorni fa:

TUR. (a piedi): “Lei è del posto? Potrebbe aiutarci a tornare all’hotel?”
IO: Certamente, mi dica quale.
TUR: “Non lo ricordiamo il nome, però ha un grande tetto spiovente in legno, ed è a circa un’ora di cammino da qua, ma non ricordo in che direzione, stiamo passeggiando da un pezzo in su e in giù su queste collinette tutte uguali” :-O :-O :-O
IO: qua tutti sono così! Mi dica il paese almeno!
TUR: “Inizia con la C”
IO: ma Cavalese, Carano o Castello di Fiemme??? Sono tutti qui intorno. Ma come fate a non sapere nulla sulla prenotazione fatta???
TUR: “Ha ragione….Non lo sappiamo, abbiamo prenotato in Internet, siamo disperati, ci aiuti!”
:-(   :-(   :-(

N.B.: dopo 15 minuti di domande-risposte e descrizioni varie, ci sono riuscito ad indirizzarli (spero) al misterioso hotel!!!! Di Castello comunque ndr…  :-D   :-D   :-D

tendenze

Tutte le altre qui

—————————-0———————————-

Da un rifugio in Marmolada..

.. e dal Rosetta..

About VallediFassa.com

Blogger di www.valledifassa.com www.valledifiemme.it e www.predazzoblog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi