Moena, si è spento un sorriso. Carmelo Azzolini

Da il 16 luglio 2018
Carmelo Azzolini

Questo articolo è già stato letto 88924 volte!

L’ultimo giro di danza
del fondatore della Taverna Lajadira.
Si è spento nella notte Carmelo Azzolini. Il ricordo caloroso di familiari e amici per un uomo che nella malattia ha dimostrato una forza e una serenità fuori dal comune.
.
Si è spento un sorriso. Un sorriso che si incontrava molto volentieri nelle valli. Un sorriso che accendeva una luce dopo l’altra nella vita dei suoi familiari. Carmelo Azzolini ci ha lasciato, all’età di 84 anni. È spirato nella sera del 15 luglio in ospedale.
.
Era un uomo che non si arrendeva mai, neanche di fronte alla malattia già diagnosticata nel 2010. Si preoccupava soltanto di non rattristare i familiari e gli amici. Molti lo ricordano come “Signor Carmelo”, con i suoi gesti d’altruismo e i suoi modi eleganti e gentili.
.
Nato da una famiglia numerosa, con otto fratelli cresciuti “en temp de guera”, era figlio di un falegname di Lizzana ed è stato quello il primo lavoro che ha appreso da piccolo. Ma negli anni del boom economico lo attendevano altre sfide. Con i suoi fratelli e l’aiuto delle sorelle aprì tre bar a Rovereto. Dal nulla creò esercizi che divennero centri di ritrovo e aggregazione importanti e che tutt’ora sono ricordati con nostalgia.
Nel ’68 si trasferì a Moena, dapprima da solo, poi con la famiglia. Qui aprì la prima discoteca delle Valli di Fiemme e Fassa: la leggendaria Taverna Lajadira. Il successo fu immediato. Infatti, ben presto divenne un locale di riferimento, dove tutti ballavano spensierati e si godevano momenti di divertimento.
.
Lajadira ospitò personaggi famosi degli anni Settanta, come Giorgio Gaber, Orietta Berti, Sandro Giacobbe, Gianni Rivera. Il locale era teatro di concorsi di bellezza ed eventi di richiamo, ma soprattutto era un luogo di ritrovo per i giovani. Quante storie d’amore sono nate in quel locale. Oggi un fiume d’affetto si sta riversando sui familiari attraverso commoventi commenti su Facebook. Uno fra tutti: “Ciao Carmelo, quanti bei ricordi di gioventù passati insieme. Facci ballare e ridere ancora”. Il lavoro di Carmelo è stato sempre quello di scatenare sorrisi, anche quelli di chi aveva pochi soldi da spendere a quei tempi. Proponeva un divertimento genuino, mai eccessivo. In tanti lo ricordano come un uomo affettuoso, rispettoso e moderato: “Non diceva mai una parola di troppo”.
Dovunque andava portava serenità. Tanto da farne una professione.
Non ha mai fatto pesare le sue preoccupazioni alla moglie Loredana e alle figlie Cinzia e Sara, nemmeno quando si è ammalato. Era un uomo mite, ma forte, coraggioso e sempre ottimista.
È stato una grande esempio per il nipote Matteo, di cui è sempre stato fiero. Non è stato solo un nonno per lui, ma anche un padre, colmo di smisurato amore. Era Carmelo il punto di riferimento di tutta la famiglia.
I suoi amici lo ricordano come un uomo socievole, affidabile e senza pregiudizi. Amava il confronto, la socializzazione e la condivisione.
Da giovane ha fatto parte della società sportiva di Lizzana. A Moena, poi, è stato consigliere comunale, membro del Grop per Moena che si occupava del decoro urbano e delle manifestazioni. Come presidente, è riuscito a portare il Circolo Tennis alla sua epoca dorata.
.
La sua grande passione è sempre stata quella del ballo. Così ha danzato fino a pochi mesi fa nei circoli pensionati di Fiemme e Fassa. Anche l’attività di sommelier lo ha accompagnato tutta la vita, membro dell’associazione sommelier di Fiemme e Fassa, con la quale negli ultimi anni ha condiviso viaggi, degustazioni e attività di volontariato.
Le sue donne (“le me done”, come le chiamava lui), assieme al nipote Matteo vogliono ringraziare tutti coloro che hanno dimostrato stima ed affetto nei suoi confronti, chi lo hanno accompagnato negli anni della malattia e coloro che sono vicini in questo momento.
.
Un grazie particolare all’affetto della dottoressa Cristiana Sommavilla e al nipote dottor Paolo Faes, per la sua dedizione nel curarlo e nel sostenerlo.
Dopo la diagnosi, non ha mai mostrato un momento di cedimento. Ha sempre reagito con ottimismo, forza di volontà e tenacia alle prove a cui lo ha sottoposto la malattia. “Sempre avanti”, era convinto che le cose sarebbero andate bene. Lui, in questi ultimi anni, è stato un grande esempio di vita per chi gli era accanto.
I familiari abbracciano commossi tutti gli amici. Lui aveva stretto legami d’affetto forti e calorosi. Aveva amici “veri”. E questo non è da tutti.
.
Saluteremo Carmelo martedì 17 luglio alle ore 14.00. La funzione funebre si svolgerà nella Chiesa Parrocchiale di Moena.
Grazie a tutti, di cuore.
Sara Azzolini
Carmelo Azzolini

About VallediFassa.com

Blogger di www.valledifassa.com www.valledifiemme.it e www.predazzoblog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi