Accuse anonime al vicesindaco di Moena

Da il 30 marzo 2010

Questo articolo è già stato letto 2433 volte!

fanesblog.JPGUna velenosa accusa anonima chiude il secondo mandato della giunta Franceschetti e apre, di fatto, la campagna elettorale a Moena. La lunga seduta consigliare, sei ore di lavoro ininterrotto e 22 punti all’ordine del giorno, ha avuto un’appendice dedicata all’auto difesa del vice-sindaco Giancarlo Ramus accusato di concussione amministrativa, da un non ben identificato “consigliere comunale”. In pratica una denuncia scritta, arrivata in Provincia, ma anche nelle redazioni giornalistiche, incrimina il geometra Ramus di aver estorto del denaro sfruttando il duplice ruolo di tecnico e assessore ai Lavori pubblici. I fatti riferiti dalla fonte anonima fanno riferimento all’area dei parcheggi necessari all’ampliamento dell’Hotel Fanes individuata su un terreno agricolo. L’uso di un’area agricola come dipendenza alberghiera non è permessa salvo deroga ottenuta prima in commissione edilizia e successivamente in consiglio comunale. L’accusa specifica riferisce che Giancarlo Ramus, comproprietario insieme a un altro tecnico, del terreno in questione, abbia acquistato l’area alcuni anni fa per poi rivenderla ai proprietari dell’Hotel Fanes ricavandone un vantaggio economico. L’autodifesa di Ramus specifica di aver ceduto la sua quota di terreno ma di non aver più partecipato né alle sedute della commissione edilizia né alla votazione in consiglio comunale. «Mi si sopravvaluta – ha detto Ramus – se si ritiene che io possa condizionare la commissione edilizia formata da sei professionisti e ancora più il consiglio comunale che ha votato la deroga con dieci voti a favore e due astenuti. E’ chiaro che, vista l’impossibilità di contestare il lavoro che ho fatto in questi cinque anni (12 milioni di euro di opere pubbliche) si tentino altre strade per delegittimarmi. Chi sperava di eliminarmi dalla competizione elettorale è un illuso perché sarò comunque presente alle prossime consultazioni. Saranno i cittadini – ha concluso – a decidere se ho amministrato bene e solo loro potranno giudicare se sono più importanti le bugie che mi sono state buttate addosso o la mia professionalità e la disponibilità che ho sempre dimostrato». Le prime avvisaglie della durezza del confronto politico che precede l’appuntamento elettorale sono emerse durante i lavori del consiglio comunale specialmente tra il sindaco Riccardo Franceschetti e Gianluigi Chiocchetti del gruppo di minoranza “Enrosadira”. Tema del contendere il ritardo con cui sono stati approvati i verbali delle sedute consiliari a partire dall’aprile 2009 e i progetti d’intervento nella frazione di Someda, sui percorsi pedonali Moena – Sorte e lungo il torrente Avisio. Nel corso della seduta sono state approvate alcune modifiche al regolamento edilizio, le nuove norme che regolano l’utilizzo dell’area cimiteriale e le baite di proprietà comunale. Infine una buona notizia. Sta per partire il concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura del posto di segretario comunale vacante da più di un anno. Questo passo dovrebbe assicurare una maggiore funzionalità alla macchina amministrativa del Comune di Moena.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Un Commento

  1. Matteo

    31 marzo 2010 at 12:04

    Le accuse ingiuriose che minano l’etica professionale e non solo di una persona sono sempre vergognose a maggior ragione se queste sono anonime!
    Cambiando discorso, sono felice che si parli ogni tanto della frazione Someda e vorrei mettere tutti a conoscenza del fatto che i gestori dell’ex Seminario alla fine di luglio del 2009 hanno presentato all’ormai uscente amministrazione la proposta per la realizzazione di un parcheggio pubblico rendendosi disponibili a cedere al comune quasi 200 mq di area alberghiera per far ciò. Alla data odierna, dopo numerosi solleciti, ancora nessuna risposta o controproposta è giunta; probabilemente i parcheggi a Someda non sono un problema…

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi