“Wild – Oltrenatura” lancia Di Palma in Val di Fassa

Da il 27 marzo 2014

Questo articolo è già stato letto 1903 volte!

In volo, come un angelo, dal Sass Pordoi (2950 m) a Pian Schiavaneis (1850 m). Maurizio di Palma, il famoso base jumper trentino che vanta quasi 3000 lanci da 400 basi diverse del mondo, è il protagonista di una puntata, registra in Val di Fassa il 25 e il 26 marzo, della nuova serie di “Wild – Oltrenatura” in onda su Italia 1 dal mese di aprile.

In primo piano nella settima edizione del programma Mediaset, condotto dall’affascinante Fiammetta Cicogna, le performance sportive estreme realizzate nei luoghi naturali più spettacolari d’Italia. Ecco perché i produttori di “Wilde” per raccontare la più moderna versione del volo libero hanno scelto la Terrazza delle Dolomiti, eccezionale decollo che attrae i migliori base jumper del mondo.

Con il supporto dell’Apt di Fassa, della società Sitc e della guida alpina di Canazei Manuel Alonso che ha assicurato regista, cameraman e tutto lo staff del set, Fiammetta Cicogna ha presentato la puntata dai piedi della croce del Sass Pordoi e ad un passo dal trampolino roccioso da cui si è “tuffato” Di Palma, che ha dichiarato come tra le sue location preferite ci siano quelle montane, specie le Dolomiti, e quelle urbane come i grattacieli di diverse metropoli.

R4RWildCicognaDiPalma0098Di Palma ha compiuto diversi voli dal Sass Pordoi, uno più emozionante dell’altro, per perlustrare la zona, sfiorare prima e passare poi – manovra molto difficile – per la forcella sottostante. Un attimo prima di lanciarsi, Di Palma ha sempre azionato la telecamera fissata sul suo casco e una bombola di gas rosso tracciante agganciata a una caviglia. Il gas ha avuto un risvolto utile alle riprese perché i due cameraman in quota (tra cui uno salito in cima alla croce) e uno all’arrivo a Pian Schiavaneis, lo hanno potute seguire facilmente con le telecamere mentre lui scendeva alla velocità impressionante di 200 km/h.

Il jumper vola con addosso la tuta che lo fa somigliare a un angelo, con ali applicate alle braccia, una sorta di coda che unisce le gambe e un paracadute sulla schiena per atterrare in sicurezza. «Niente motori o correnti aeree da sfruttare – ha spiegato Di Palma – volo con la sola forza di gravità utilizzando al meglio le tute d’ultima generazione che, grazie a nuovi sistemi di valvole e pressurizzazione, aumentano la sensibilità di volo e l’efficienza per cui per ogni metro di caduta nel vuoto ne percorro tre in distanza (orizzontale)». Le speciali tute di Di Palma sono, quindi, protagoniste assieme a lui ei panorami della Val di Fassa di questa nuova puntata mozzafiato di “Wilde – Oltrenatura”, tutta da gustare tra qualche settimana in tivù.

 Immagini: dal set di “Wilde – Oltrenatura”- (M. Palù – E. Salvi) Archivio Apt Val di Fassa

 

About Elisa Salvi

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi