Progetto sociale in Val di Fassa: Finalmente ci siamo! …no non ci sono fondi!

Da il 11 aprile 2012

Questo articolo è già stato letto 1177 volte!

di Tiziana Decrestina - “La prima cosa che il professore mi raccomandò fu di non pensare, “tanto non potrà mai diventare come gli altri”. Mi fece capire che qualunque cosa ci fosse da recuperare sarebbe stata una grande conquista e così ho ingaggiato una mia battaglia personale.”

Queste poche righe che riporto dalla storia di Iole, la mamma di un bambino autistico di Napoli nato nel 1959 (Corriere della Sera, 02.04.12) mi hanno invitato a non mollare.

L’articolo pubblicato su L’Adige del primo marzo scorso mi ha fatto esclamare: “Finalmente ci siamo!”. Anche per Mattia si apre una nuova strada: verrà offerto un nuovo servizio del tutto innovativo, da noi genitori tanto auspicato.

Nel dettaglio si legge che: “Il progetto vuole fornire “chiarisce Orietta Daprà” un servizio educativo e sociale qualificato, in grado di sviluppare l’autonomia dei bambini fino a 13 anni, attraverso un servizio integrato, che permetta diversi approcci di natura educativa, motoria e di comunicazione linguistica”.
Vi assicuro che la gioia e le aspettative sono salite alle stelle.
Quindi non ho perso tempo e mi sono recata presso l’ufficio dei Servizi Socio-assistenziali del Comun General de Fascia dalla responsabile, l’assistente sociale Margherita Mazzel.
Questo progetto risulta depositato, presentato e… pure “accantonato”: una delusione pazzesca nell’incontrare un freddo glaciale, un’indifferenza scandalosa per un percorso così innovativo per la nostra valle, per gli ultimi, per gli indifesi.
Sono stata liquidata con… “ questo progetto è appena abbozzato,… si illude solo la gente,… non ci sono fondi per queste iniziative,…”. Ma come?!?
Nell’articolo si facevano già dei nomi di professionisti ben qualificati e disponibili, si era già ben delineato il lavoro da fare e come svolgerlo.
Come mai, in prima battuta, solo il presidente della Comunità territoriale della Valle di Fiemme Zancanella si è più volte interessato a questo progetto?
Non posso dire di non aver beneficiato di aiuti, ma per i più piccoli e i più deboli non si smette mai di chiedere il giusto, di volere per loro una vita dignitosa, di intraprendere tutto il possibile per farli crescere e conquistare tutti i traguardi per loro abbordabili e possibili.

L’invito che vorrei fare a nome di tutti i nostri bambini e di tutte le loro famiglie a tutti gli “addetti ai lavori” è quello di impegnarsi il più possibile per dare concretezza a questo nuovo progetto, unendo le forze e le risorse, per guardare attraverso gli occhi dei più umili ad un futuro veramente pieno di umanità e condivisione.
Tiziana Decrestina

About VallediFassa.com

Blogger di www.valledifassa.com www.valledifiemme.it e www.predazzoblog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi