No all'accorpamento tra minoranze e solidarietà

Da il 17 giugno 2009

Questo articolo è già stato letto 871 volte!

ual2.jpgL’Ufficio di Presidenza della UAL manifesta il disappunto per le modalità con cui il Governo provinciale ha deliberato l’accorpamento del servizio Minoranze Linguistiche con la Solidarietà. Infatti con deliberazione del 12 giugno 2009 è previsto che l’ufficio “Servizio per la promozione delle minoranze linguistiche locali” e il “Servizio emigrazione e solidarietà internazionali” vengano accorpati in un’unica struttura denominata “Servizio minoranze linguistiche e solidarietà” conferendo al dott Marco Viola, l’incarico di dirigente. La UAL condivide la scelta del dirigente in quanto persona dotata di capacità, competenza e di specifica esperienza maturata nell’ambito delle Minoranze linguistiche di cui ha saputo guadagnarsi la stima e l’apprezzamento, la UAL però non condivide l’accorpamento dei due Servizi per diverse motivazioni.In particolare si ravvisa il pericolo di indebolimento del Servizio Minoranze Linguistiche che, al contrario, si ritiene debba essere non solo mantenuto come Servizio a se stante ma ulteriormente rafforzato. Inoltre, se le Minoranze linguistiche sono ritenute, a ragione, uno dei punti fondanti dell’Autonomia del Trentino Alto Adige e definite dallo stesso Presidente Lorenzo Dellai “patrimonio irrinunciabile per tutto il Trentino”, la UAL reputa indispensabile che, all’interno dell’organizzazione della Provincia, tale Servizio venga mantenuto come entità specifica e ben individuata, rafforzandolo e potenziandolo anche per il del fondamentale apporto che la sua attività può offrire nell’ottica di un’ Europa delle Regioni e della tutela e promozione delle popolazioni dell’arco alpino.La UAL pur riconoscendo le competenze ai vari livelli del Governo provinciale non è disposta ad accettare decisioni che interessano le Minoranze senza esserne preventivamente coinvolta: questo accorpamento del Servizio delle Minoranze linguistiche è purtroppo un ulteriore episodio con cui la UAL ha subito decisioni che riguardano la comunità ladina senza prima essere interpellata, a fronte della lealtà politica che la UAL stessa ha sempre dimostrato alla coalizione di maggioranza e al suo Presidente fin dall’inizio della campagna elettorale.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi