Navalge di Moena. Lavori conclusi per il 2010?

Da il 15 ottobre 2009

Questo articolo è già stato letto 857 volte!

navalge.jpgRiprendono i lavori al teatro di Navalge che dovranno terminare, per determina provinciale, nel giugno del 2010. Entro il mese di dicembre la ditta altoatesina Alfred Larcher Maschinenbau OHG/Costruzioni Meccaniche di Lana (Bolzano), completerà alcune opere specialistiche da fabbro con la fornitura e posa in opera di passerelle e tiranti di scena per il palcoscenico del teatro ( importo di 206 mila 756 euro IVA esclusa). Inoltre l’azienda “Linea Gobbato” di Ponte San Nicolò (Padova), completerà entro Natale i lavori da falegname con fornitura e posa in opera dei rivestimenti lignei fonoassorbenti nella sala teatro e nelle logge (importo 215 mila 306 euro + I.V.A). Intanto l’architetto Gandini sta elaborando la versione definitiva dell’ultima variante progettuale legata agli arredi, tendaggi e impianti audio-video. La fornitura sarà appaltata mediante procedura europea avviata probabilmente entro fine mese. La stesura dell’ultima variante progettuale è stata particolarmente difficoltosa e laboriosa per varie ragioni. Da una parte c’è stata la necessità di individuare e concordare soluzioni tecniche adeguate per soddisfare le esigenze espresse dal Comune di Moena ma nello stesso tempo era obbligo mantenere i requisiti di funzionalità e sicurezza occorrenti per ottenere, da parte degli organi competenti, i nulla osta finali per l’agibilità del teatro. Inoltre le soluzioni tecnologiche individuate nel passato sono state superate dall’evoluzione del mercato e quindi il progettista ha dovuto eseguire una nuova ricerca. Appena possibile l’ufficio informazione dell’Apt di Fassa traslocherà a Navalge per sfruttare la centralità del parcheggio nel piano di viabilità interna di Moena. Rimane scettico il consigliere comprensoriale Alberto Felicetti, il principale “fustigatore” dell’incompiuta di Moena. « Meraviglia leggere che dopo due anni, si sta elaborando la versione definitiva dell’ultima variante progettuale, che prevederà la fornitura con posa in opera degli arredi, tendaggi, impianti audio-video e simili. Che cosa è stato fatto , di grazia, in questi due anni, posto che il progetto, con relativo appalto europeo, avrebbe dovuto vedere la luce già anni orsono? E che cosa vuol dire che la procedura per l’appalto europeo potrà essere avviata entro la fine del mese? Siamo ormai a metà ottobre».

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi