Moena. Premio agli studenti delle "Cooperative unite"

Da il 8 giugno 2010

Questo articolo è già stato letto 827 volte!

attestato.JPGL’associazione scolastica “Cooperative Unite” della 1^ A e 1^ B della scuola media di Moena ha vinto il secondo premio del concorso provinciale “Scoprire la cooperazione” vendendo merendine confezionate e organizzando i mercatini di Natale e di primavera. La motivazione del premio di duecento euro assegnato ai giovani studenti, spiega che le due classi sono riuscite, con la loro iniziativa, a coniugare i valori della cooperazione con la solidarietà. Infatti il ricavato dell’attività di un anno servirà non solo a festeggiare la conclusione dell’anno scolastico con una pizza, ma sarà devoluto alla scuola gemellata della Somalia tramite l’associazione “Acqua per la vita”. All’inizio dell’anno scolastico i 46 studenti di Moena avevano costituito una cooperativa con tanto di statuto davanti alla dottoressa Marina Pancheri, della Federazione delle cooperative trentine. In quell’occasione la professoressa Antonella Soccio, affiancata dai colleghi Francesca Zulian e Giovanni Casadoro era stata nominata tutor con il ruolo di animare, osservare e consigliare i ragazzi nel loro cammino. Ragazzi e ragazze si erano dati subito da fare producendo, con le loro stesse mani decorazioni e oggetti venduti in occasione del mercatino di Natale e di primavera. Nel corso dell’anno poi avevano distribuito merendine ai compagni favorendo le buone abitudini alimentari. I progetti di educazione cooperativa sono un’importante strumento di educazione alla cittadinanza, secondo l’assessore provinciale all’istruzione Marta Dalmaso, perché consentono di trasmettere ai più giovani non solo nuove competenze legate alle discipline scolastiche, ma anche valori fondamentali come la partecipazione o l’assunzione di responsabilità. Quest’anno sono stati 1500 i bambini e i ragazzi che hanno partecipato alla 15° edizione del concorso “Scoprire la cooperazione” e hanno costituito un totale di 39 Acs, cioè di associazioni cooperative scolastiche. Un fatto rilevante segno che la scuola trentina è capace di realizzare progetti in grado di mobilitare gli studenti e rendere il percorso scolastico più attivo. L’associazione scolastica “Cooperative Unite” di Moena non si fermerà. La sua vita continuerà anche i prossimi anni fino a quando gli studenti completeranno il ciclo di studi. Avranno quindi modo di vivere altre esperienze comuni con un’attenzione per chi non è così fortunato come loro.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi