Moena: i marinai della Costa in montagna

Da il 20 aprile 2010

Questo articolo è già stato letto 864 volte!

eugenioc.JPGPer la seconda volta il mare va montagna. Gli ex –dipendenti della nave “Eugenio Costa” si sono dati appuntamento ancora all’Hotel Monzoni al passo S. Pellegrino. Lo avevano già fatto nel 2007 quando si erano incontrati per rievocare il passato del transatlantico da crociera più famoso in Italia. La nave ora non c’è più. Ha finito la sua corsa sulla spiaggia di Alang, in India dove è stata demolita. Sono rimasti però gli uomini che su quella casa galleggiante hanno trascorso anni della propria vita.«E’ stata una bella occasione per raccontare e ascoltare tante storie» spiega Silvano Bincoletto che con la moglie Chiara, conduce l’albergo Monzoni. «Tra queste anche quelle di molti trentini che, nonostante la loro origine “montanara”, si erano abituati al mare. Persone che una volta lasciato l’impegno a bordo sono diventati affermati imprenditori nel settore alberghiero». La “Eugenio Costa”aveva come destinazione prevalente l’America del Nord e quella del Sud e per anni è stata la nave dove l’aristocrazia del tempo trascorreva vacanze esclusive.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi