Moena. Convegno Transdolomites 2010

Da il 18 ottobre 2010

Questo articolo è già stato letto 1127 volte!

“Una ferrovia per la Val di Cembra, Fiemme e Fassa” è il titolo del convegno che si terrà giovedì 21 ottobre a partire dalle ore 9 presso l’aula magna del polo scolastico di Moena. L’evento è promosso dall’associazione Transdolomites che da anni si batte per forme alternative di mobilità. I lavori sono rivolti a varie categorie di persone, come amministratori, professionisti, operatori turistici , ma anche a semplici cittadini interessati allo sviluppo di mezzi alternativi all’auto. Molto nutrita la rappresentanza degli esperti che si avvicenderanno sul palco. Dopo una breve introduzione sull’ipotesi del “trenino dell’Avisio” una ferrata in grado di collegare Canazei con Trento via Cembra, saranno presentate le esperienze simili già in atto in Val Venosta, in Svizzera e Tirolo. Nel pomeriggio si parlerà, in particolare, dell’impatto della ferrovia nei territori di montagna. Interverranno docenti universitari con l’obiettivo di illustrare le tecnologie costruttive attuali per inserire la strada ferrata nel contesto delle Alpi e per ridurre i consumi energetici delle motrici ma anche delle stazioni. «Per la nostra associazione – spiega Massimo Girardi – il treno è il mezzo di trasporto ottimale nelle nostre valli. Ha emissioni nulle, autonomia illimitata, sempre moderno perché aggiornabile e affidabile. Oggi la ferrovia è necessaria, domani sarà indispensabile con i costi crescenti del petrolio».

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi