Massimo Girardi risponde all'assessore Gilmozzi

Da il 18 gennaio 2010

Questo articolo è già stato letto 1169 volte!

treno.jpgMassimo Girardi, presidente dell’associazione Transdolomites, non ci sta e risponde a muso duro all’assessore Mauro Gilmozzi che aveva definito l’ipotesi di collegamento tra Alba di Canazei con Trento tramite una ferrovia «una riga sulla carta o poco più». « Lo studio portato avanti dalla società Qnex – spiega Massimo Girardi – è iniziato nella primavera 2009, ed è in via di ultimazione. Non pensiamo servano tanti mesi per tracciare una semplice riga sulla carta. Ci sono voluti invece numerosi sopralluoghi sul territorio. Coloro che hanno partecipato alle presentazioni pubbliche dello studio in oggetto hanno avuto modo di leggere ed ascoltare qualcosa di più consistente che uno schizzo improvvisato. Coloro che volontariamente , come privati cittadini, associazioni di categoria e Comuni, hanno deciso di contribuire alla copertura economica dello studio evidentemente lo hanno fatto perché in questa proposta hanno individuato una opportunità interessante. Ingegneri ferroviari hanno valutato con entusiasmo i contenuti della proposta mentre una rivista a tiratura nazionale e un portale Web molto importante hanno chiesto l’autorizzazione a diffondere i contenuti dello studio. Tutto questo, evidentemente, testimonia che non ci siamo limitati a tracciare righe sulla carta». E infine la stoccata. «Posso concordare con l’assessore Gilmozzi che questa poteva essere l’occasione per puntare ad uno studio sicuramente più approfondito e ciò sarebbe andato a beneficio di tutti se il vero ostruzionismo a tale iniziativa non avesse avuto Lei come regista». Apprezzamento invece da parte di Girardi per la posizione assunta dall’assessore Alberto Pacher in merito al progetto. Massimo Girardi assicura all’assessore la completa disponibilità´ ad approfondire il problema per trovare insieme una soluzione ottimale.« Non ho mai mancato di riconoscere alla Provincia – conclude Girardi – il merito di aver saputo credere nella soluzione ferroviaria quale reale alternativa al trasporto su gomma. Sarebbe un grave errore da parte degli amministratori provinciali interpretare il progetto di Transdolomites in una forma di ostruzionismo. Tutto ciò va invece interpretato come una sincera intenzione di collaborare in questa direzione sia pur con proposte che prevedono anche percorsi alternativi».

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi