Ancora maltempo. Operatori turistici preoccupati

Da il 13 febbraio 2014
NeveMoena

Questo articolo è già stato letto 22329 volte!

Temperature sopra la media e precipitazioni quadruplicate nel mese di gennaio. La perdurante copertura (8 giorni di sole) e i gradi di umidità (massimo 96%) hanno dato luogo a precipitazioni diffuse che nel fondovalle si sono spesso mischiate alla pioggia comprimendo il manto nevoso.

Ciononostante l’accumulo delle singole nevicate ha comunque raggiunto il metro e mezzo mentre l’acqua è stata misurata in 190 millimetri. E febbraio per ora promette ancora acqua e neve.

Preoccupati impiantisti e albergatori per il calo dei passaggi sulle piste da sci e delle presenze negli alberghi. «I dati di gennaio non sono ancora completi – spiega Andrea Weiss, direttore dell’Azienda di promozione turistica della Valle di Fassa – ma la contrazione dei passaggi sugli impianti a fune è già evidente. Stimiamo un vistoso calo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La clientela italiana, è risaputo, è molto sensibile alle condizioni meteo avverse e anche i turisti con capacità di spesa hanno rinunciato alla sciata di fine settimana. I nostri ospiti, cechi, polacchi e russi – spiega Weiss – hanno cercato consolazione con le saune, i punti wellness degli hotel e il parco acquatico Dolaondes di Canazei. Pochissimi hanno sfidato le strade infide per raggiungere le vicine città di Bolzano e Trento».

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi