L’Epifania in Valle di Fassa

Da il 6 gennaio 2014
Epifania Fassa

Questo articolo è già stato letto 15414 volte!

Le melodie dei Tre Re, con gli antichi canti della Stella che annunciano la “Pèsca Tofènia” (Epifania) e la tradizionale benedizione della casa hanno caratterizzato la festa dell’Epifania in valle di Fassa.

Nelle case rurali, specialmente dell’alta valle, il capofamiglia con in mano un piccolo braciere contenente incenso, ha asperso con l’acqua benedetta la casa per proteggerla dalle tempeste, dalla folgore e dal fuoco. A conclusione del rito, sempre il capofamiglia, ha scritto sugli architravi delle porte le iniziali dei Re Magi: K (Kaspar) + M (Melchior) + B (Balthasar).

Questi tre monogrammi nascondono anche un significato religioso. In latino la frase “Christus mansionem benedicat” significa appunto “Cristo benedica la casa”. ”L’Epifania tutte le feste le porta via” dice un detto popolare e infatti la Valle di Fassa si congeda dal periodo natalizio anche se rimangono ancora i presepi nei vari centri storici dei paesi. In particolare nell’antico rione di Turchia di Moena i segni della natività rimarranno esposti fino al 19 di gennaio.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi