Fassa, assalto al Vajolet per l’«Alba delle Dolomiti» con Caposella e Psarantonis

Da il 3 agosto 2013
suoni dolomiti caposella al vaiolet 3 agosto 2013 fassa

Questo articolo è già stato letto 12419 volte!

Diecimila occhi e altrettante orecchie per vedere ed ascoltare Vinicio Capossela, accompagnato dal cantante greco Psarantonis, stamattina all’alba, alle 6 al rifugio Vajolet, a 2200 metri, per i Suoni delle Dolomiti.

Un concerto davvero irripetibile, e di un fascino irresistibile per ben cinquemila persone.

Un concerto che voleva essere un “viaggio verso casa”.

Casa è dove si parla la stessa lingua. Non una lingua di parole che si sorridono o si scontrano o si traducono, ma di qualcosa di più universale e immediatamente comprensibile a ogni uomo: come la musica, come i miti. Vinicio Capossela e il cretese Psarantonis l’hanno dimostrato con forza, trascinando il pubblico in un viaggio che è sembrato puntare dritto all’origine dei tempi. Un itinerario in due tempi, perché l’amore e la curiosità che uno dei cantautori più originali e vivaci del panorama italiano riescono a suscitare, hanno portato moltissime persone a salire al Rifugio Vajolet. Una affluenza straordinaria, che ha spinto l’artista e I Suoni a proporre un primo spettacolo alle ore 6 (della durata di quaranta minuti) per salutare l’alba e onorare chi è salito nella notte lungo i sentieri della Val di Fassa, e a proseguire quindi con un secondo momento alle ore 8, una volta atteso chi stava ancora salendo. In totale oltre tre ore di musica, poesia, letture…

Il Vajolet e il pubblico sono ancora nell’ombra quando inizia la seconda parte. «Sembra un accampamento di Ussari» dice questa volta il cantautore e regala la sua “Alba degli Ussari” prima di rincorrere il tempo. Eccolo incalzare Psarantonis – dopo un brano esplosivo – per raccontare la storia della lira. Lo strumento è stato creato da Zeus come dono a un pastore che l’aveva ospitato e sfamato ed è imbracciato dai musicisti e dagli aedi che raccontano la storia come se ci fossero stati. A lui, aedo d’oggi, Capossela dedica una canzone costruita su un dittico di Psarantonis e perfetta per la montagna: «Siamo due coste di rupe, aspettiamo un terremoto per riunirci di nuovo in un solo canto».

suoni dolomiti caposella al vaiolet 3 agosto 2013 fassa

About VallediFassa.com

Blogger di www.valledifassa.com www.valledifiemme.it e www.predazzoblog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi