Estate piovosa, rifugi deserti

Da il 2 agosto 2011

Questo articolo è già stato letto 1176 volte!

Luglio freddo e piovoso: una maledizione per rifugi e malghe. In quota si mastica amaro per le poche presenze. Luglio sta per essere archiviato e inizia la contabilità. Meno 20% di affluenze nei rifugi con un buon accesso. Per le strutture situate lontano da impianti di risalita o in alta montagna si arriva anche al 30%. «Tranquilli – sdrammatizza Angelo Iellici, del rifugio Larezila e vice presidente dell’associazione rifugi Trentino – la categoria non ha intenzione di chiedere lo stato di calamità. Però siamo preoccupati». Il mese era iniziato con ottime prospettive poi il tempo variabile, le nevicate in quota, acquazzoni e grandinate hanno tenuto distanti i turisti. Nei barlumi di sole chi va in montagna si concentra sui percorso classici, particolarmente la zona del Catinaccio, intasando i rifugi in fasce orarie ben limitate. «Anche questo – spiega Iellici – non fa bene alla categoria. L’affollamento eccessivo, i tempi rapidi di servizio non accontentano la clientela e non ci permettono di svolgere la missione a cui siamo chiamati, quella di “maestri della montagna”. In questa situazione l’ospite non spende e il rifugista non fidelizza». Il calo riguarda prevalentemente la clientela italiana. Gli stranieri invece tengono le posizioni anche grazie alla vetrina di Internet. I turisti italiani invece temono la pioggia e nei giorni di brutto tempo affollano annoiati il fondo valle.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi