“Dòlaondes”, tuffi e nuotate a volontà a Canazei

Da il 19 giugno 2012
Dolaondes Canazei

Questo articolo è già stato letto 2349 volte!

Foto R. Brunel – Archivio Sitc

Il suo nome in ladino significa “segui le onde” (contrazione delle parole “dò la ones”). Ed è un invito che certamente molti seguiranno da mercoledì 20 giugno (ore 16.00), giorno dell’inaugurazione di “Dòlaondes”, lo spettacolare centro acquatico realizzato a Canazei da Sitc (Società Incremento Turistico Canazei).

La struttura, con vista panoramica su boschi, prati e le cime di Gran Vernel e Colac, è stata progettata dal’architetto altoatesino Ralf Dejaco (autore anche dell’Acquarena di Bressanone) per accogliere fino a 300 persone ed è suddivisa in quattro aree tematiche. La principale è la “Water & Fun” con cinque piscine, tra cui una semiolimpionica (25 x 12,90 m a 5 corsie con profondità dell’acqua che varia tra 1,38 e 1,80 m; temperatura 28 gradi), una ludica (altezza 1,40 m) con idromassaggi, vortici, cascate, docce nucali e uno scivolo parabolico di 111 metri, il più lungo del Trentino, che si percorre ad una velocità 6 metri al secondo tra effetti di luce e musica, una per i bambini con fontanella a riccio e piccolo scivolo (altezza da 0 a 35 cm; temperatura dell’acqua 34 gradi) ed una perimetrale esterna con acqua salata e idromassaggio (altezza 1,40 m; temperatura 30 gradi).

Ci sono poi la zona “Eghes Wellness”, ideata nel rispetto dell’antica filosofia della bioclimatologia delle terme romane dove tra sauna e bagno turco si possono “coccolare” fino a 90 persone, la “Sport & Fitness” con palestra di prossima apertura, e infine la “Eat & Drink”, dove ci si ristora con ottimi stuzzichini e bibite. Il centro è arricchito da accoglienti zone relax con vista, arredate con sdraio, sedie a dondolo e divani, terrazze, dove prendere comodamente il sole, ampi spogliatoi, numerose docce e bagni con specchi e phon ad altezza regolabile che diventano elementi d’arredo.

Il centro acquatico di Canazei strizza l’occhio anche all’ecologia. È concepito infatti all’insegna del risparmio energetico: è riscaldato da una moderna caldaia a pellets ed è dotato di vetri ad alta prestazione energetica, impianto fotovoltaico da 110 kilowatt, impianto solare per la produzione d’acqua calda e sistemi di recupero di calore dal trattamento d’aria.

Dopo l’inaugurazione e due giorni, il 21 e il 22 giugno, di ingresso gratuito, il “Dòlaondes” entrerà a regime con apertura quotidiana fino al 23 settembre (orario: 14.30-20.00; martedì e giovedì: 10.00-20.00). Informazioni e prezzi nel sito www.fassa.com.

About Elisa Salvi

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi