Dalla Val di Fassa a Veil/Beaver Creeck: ecco i 22 Azzurri convocati ai Mondiali di sci alpino

Da il 30 gennaio 2015
nazionale azzurra di sci in valle di fassa per i mondiali di Vail

Questo articolo è già stato letto 1556 volte!

In un clima di festa si è svolta, il 29 gennaio in una sala affollata di ospiti e giornalisti all’Hotel Renè di Pozza, la conferenza stampa di presentazione dei 22 sciatori che prenderanno parte Mondiali di sci di Vail/Beaver Creack in programma dal 2 al 15 febbraio.

E Fassa è stata scelta dai vertici della Fisi come location ideale per augurare ai big italiani dello sci un’avventura mondiale ricca di trionfi, perché dal 2006 con il progetto “Piste Azzurre” è il centro federale di allenamento della Nazionale di sci alpino. A salutare gli atleti, rappresentati dai padroni di casa gli slalomisti fassani Chiara Costazza e Stefano Gross, assieme a Davide Simoncelli, Florian Eisath, Federica Brignone e Manuela Moelgg, il presidente della Fisi Flavio Roda, Tiziano Mellarini, assessore allo sport della Provincia di Trento, Maurizio Rossini, direttore di Trentino Marketing, Gerhard Vanzi, direttore marketing di Dolomiti Superski, ed Enzo Iori, presidente dell’Apt di Fassa.

«È motivo d’orgoglio per la valle – ha detto in apertura d’incontro Iori – avere questi atleti talentuosi, non solo oggi ma durante tutta la preparazione stagionale per le gare di Coppa del Mondo e per le altre competizioni internazionali. Per noi è un momento elettrizzante, grazie ai recenti successi di Stefano Gross e ai buoni piazzamenti di Chiara Costazza e anche all’inaugurazione odierna delle piste Ciampac e Vulcano, che s’aggiungono agli altri splendidi tracciati su cui si allena la Nazionale».

Auguri di grandi successi sono stati espressi da Mellarini che ha sottolineato come i risultati degli atleti della provincia e di tutta la Nazionale, anche per l’iniziativa fruttuosa “Piste Azzurre”, diano grande visibilità alla Val di Fassa e all’intero Trentino. Rossini ha posto l’accento sull’importanza dei campioni italiani di sci per mettere in risalto le destinazioni montane dolomitiche e di tutto l’arco alpino e avvicinare i giovani allo sci, Vanzi, invece, al lavoro svolto per la preparazione di piste eccellenti, all’interno del Dolomiti Superski, dove si perfezionano i fuoriclasse dello sci italiano. Quindi, Roda ha ringraziato i gruppi militari, le associazioni sportive, i tecnici, la Val di Fassa per l’attenta ospitalità e soprattutto gli atleti per il loro impegno e i risultati che auspica numerosi anche ai Mondiali.

E, dopo una breve sfilata di Gross e Brignone con la tuta ideata da Kappa per le gare statunitensi in due versioni (intera per il gigante; spezzata per lo slalom) entrambi di un intenso azzurro e dai tessuti tecnici dalle “trame segrete”, sono stati annunciati ufficialmente gli sciatori, 10 donne e 12 uomini, convocati ai Mondiali. Eccoli qui:

Marta Bassino, Federica Brignone, Chiara Costazza, Elena Curtoni, Elena Fanchini, Nadia Fanchini, Francesca Marsaglia, Daniela Merighetti, Manuela Moelgg, Johanna Schnarf, per le donne;

Giovanni Borsotti, Florian Eisath, Stefano Gross, Christof Innerhofer, Werner Hell, Matteo Marsaglia, Manfred Moelgg, Roberto Nani, Dominik Paris, Giuliano Razzoli, Davide Simoncelli e Patrick Thaler, per gli uomini.

nazionale azzurra di sci in valle di fassa per i mondiali di Vail

Con il gruppo dei velocisti già indirizzato verso il Colorado, non hanno fatto mancare la loro presenza alcuni dei protagonisti delle prove tecniche. Ecco le loro parole:

Davide Simoncelli: ” Sfrutto ancora questa possibilità che mi è stata concessa, cercherò di prenderla al volo con l’esperienza accumulata in tanti anni di attività contro la freschezza degli avversari. Ci proverò con la consapevolezza di dare il 110%”.

Manuela Moelgg: “E’ il mio sesto Mondiale, sono pronta. Non parto da protagonista ma posso concentrarmi sul potere fare e non dovere fare”.

Federica Brignone: ” Spero di arrivare a Vail ed essere protagonista, non voglio tornare a casa con il rimpianto di avere potuto fare qualcosa di diverso”.

Stefano Gross: “La condizione mentale ‘ ottimale ma in questo momento bisogna andare al 200% perché il 100% non basta più. Ho già raccolto abbastanza medaglie di legno in carriera, direi che possono bastare”.

Chiara Costazza. “Speriamo di continuare a preparaci bene nei prossimi giorni, ovviamente tutte vanno in America con lo stesso obiettivo. Il livello generale dello slalom sta crescendo, Shiffrin ha avuto forse qualche problema in più rispetto al passato, anche noi italiane ogni tanto riusciamo a combinare qualcosa di buono, ci giocheremo le nostre possibilità”.

Florian Eisath: “Non sono partito in questa stagione con le premesse migliori, però durante l’anno sono cresciuto. Ho visto che con la mia sciata posso tenere la velocità dei migliori, vado lì per godermi l’evento e fare il meglio possibile”.

About Elisa Salvi

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi