Comun general, salta il referendum

Da il 3 febbraio 2012

Questo articolo è già stato letto 1143 volte!

«Se in Val di Fassa il referendum per l’abolizione del Comun General non avrà luogo è solo merito della nostra comunità». Così dice la UAL, che non mette in discussione il valore democratico dello strumento referendario, ma è convinta che in questo momento storico la gente fassana abbia compreso l’importanza che riveste il Comun General de Fascia.
«Le firme raccolte dall’Associazione Fassa – è scritto nel comunicato stampa del movimento ladino – testimoniano che una fetta della popolazione fassana si aspetta di più dal Comun General de Fascia e questo non può che essere uno sprone per la UAL ad impegnarsi ancor di più per un nuovo e proficuo slancio istituzionale di questo ente.
La soglia delle 1500 firme per proporre referendum in Val di Fassa, giudicata sproporzionata dalla Lega Nord è un limite importante ma non eccessivo. Già in passato su questioni cruciali di firme né sono state raccolte molte di più. Oggi invece i fassani hanno deciso di non votarsi all’autolesionismo e di non rimettere a tutto il Trentino la decisione sull’esistenza o meno del Comun General». La UAL inoltre esprime la sua vicinanza e la totale fiducia nei confronti della procuradora Cristina Donei, divenuta bersaglio di attacchi personali e di accuse infondate e delegittimanti da parte dei promotori del referendum.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi