Approvato il bilancio al Comune di Moena

Da il 31 gennaio 2009

Questo articolo è già stato letto 887 volte!

navalgeinverno.jpgCon la astensione delle minoranze è passato il bilancio di previsione 2009 e quello pluriennale fino al 2011. Sono state necessarie due ore e mezzo di discussione, spesso a ruota libera e con qualche approssimazione, per arrivare a chiudere un documento contabile che pareggia sulla cifra di 12 milioni 265 mila euro. Più che sui singoli capitoli di spesa l’attenzione è stata posta sulla necessità di operare con parsimonia, visti i tempi di crisi, tenendo anche conto che il Comune di Moena è indebitato per quattro milioni e 100 mila euro. Questo significa che l’amministrazione non può pensare di accedere a ulteriori mutui per affrontare opere che da tempo aspettano di essere realizzate. E’ quindi un bilancio di crisi che mantiene quasi inalterata la spesa corrente (quattro milioni 925 mila) e contrae gli investimenti nelle opere pubbliche. L’avanzo di economico del passato esercizio, 487 mila euro, serviranno a pagare i mutui accesi in passato. Dal 2006 al 2008 gli impegni finanziari per realizzare nuove opere sono cresciuti da 300 mila euro del 2006 al milione e 110 mila euro del 2008. «Per il prossimo biennio – ha detto il vicesindaco Giancarlo Ramus – rimangono 538 mila euro, di cui 520 mila impegnati in quest’anno solare». In pratica per l’anno 2010 resteranno disponibili, se non ci saranno cambiamenti, solo 18 mila euro. Tra le priorità dell’amministrazione la realizzazione del nuovo centro per la terza età presso “Ciasa Tofol” (già in calendario in passato), l’acquisto e restauro del primo piano della “Ciasa Pichi” da adibire a biblioteca. Intervento di una certa urgenza visto che l’umidità sta danneggiando le vecchie sale con pareti lignee e l’affresco attribuito al Gabrielli. C’è poi la sistemazione dell’area sportiva di Navalge. Nel progetto è previsto lo spostamento dei campi da tennis adattandoli alle tribune realizzate nella parte sud del grande teatro. Inoltre cui sarebbe l’inserimento di un campo da calcetto e la realizzazione di una palestra di arrampicata. La giunta ha difeso le scelte operate davanti alle numerose osservazioni manifestate dalle minoranze. Mario Bianchi ha preannunciato l’astensione del gruppo “Moena Növa” non solo per alcune divergenze sul documento presentato ma anche e soprattutto per sottolineare le necessità di modificare le regole comunali che assegnano alle minoranze ruoli troppo subalterni senza la possibilità effettiva di manifestare i propri punti di vista. Molto più articolata la comunicazione del consigliere Gianluigi Chiocchetti (gruppo Enrosadira) che ha espresso tutti i suoi dubbi sul modo di procedere della giunta, a suo avviso frammentaria, senza un progetto d’intervento articolato. Il collega Alberto Felicetti ha rimarcato la necessità di trovare nuove forme di comunicazione tra maggioranza e opposizione per dare spazio ai punti di vista della minoranza che possano arricchire il dibattito. In effetti molti degli interventi erano fuori luogo nel contesto specifico di approvazione di un bilancio. Sarebbe più opportuno affrontare tematiche specifiche in consigli comunali informali e rendere più snello un consiglio comunale che se protratto per ore fa perdere lucidità e sfilacciare gli interventi in mille inconcludenti rivoli.

About Gilberto Bonani

Corrispondente giornali Trentino, Vita Trentina e Avisio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi