Alimentazione e attività fisica, serata con il dott Paolo Crepaz

Da il 9 ottobre 2012

Questo articolo è già stato letto 2039 volte!

La banca del tempo LADINA, promuove ed organizza una serata di informazione e dibattito sul tema: “Alimentazione e attività fisica” con la partecipazione, in veste di relatore del dottor Paolo Crepaz, medico chirurgo,specialista in medicina dello sport e fisiatria. La serata si svolgerà il 10 Ottobre alle ore 20.30, presso la sala consiliare del Comune di Pozza di Fassa. (vedi locandina in fondo)

E’ profonda convinzione che, attività motoria e alimentazione costituiscano un binomio indissolubile per il benessere psico-fisico della persona, di ogni persona, giovane o anziana, grassa o magra, sana o malata; in un mondo occidentale dove le principali cause di molte malattie e malesseri sono direttamente derivate da una cattiva, nonché eccessiva alimentazione e da una scarsa propensione ad un corretto smaltimento delle energie derivate dalla stessa. Il “PROGETTO SALUTE”, che la Banca del tempo Ladina propone attraverso queste iniziative, ha il solo e unico scopo di avvicinare le persone ad usare strumenti quali ” una corretta attività fisica”, praticabile da tutti ed a costo zero, ed una “sana e mirata alimentazione”. ” Spaghetti e scarpe da ginnastica” è il provocatorio slogan che magnificamente sintetizza l’obiettivo che la banca del tempo si propone, all’unico scopo di far star meglio e con pochi sacrifici più persone possibile.

La serata che la banca del tempo ladina propone a beneficio di tutta la popolazione ha il solo ed unico scopo di offrire a tutti coloro che hanno a cuore la propria salute ed il proprio benessere, una occasione di riflessione e di pratica a costo zero, su queste tematiche. con preghiera di divulgazione.

La giornata di sensibilizzazione promossa dall’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica
OBESITY DAY: I DATI DEL TRENTINO

Il 10 ottobre è l’Obesity Day, giornata di sensibilizzazione promossa a livello nazionale dall’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica (ADI). In occasione della giornata, l’Osservatorio per la salute dell’Assessorato alla salute e alle politiche sociali, in collaborazione con il Dipartimento di prevenzione dell’APSS, mette a disposizione a tutti gli interessati una brochure sintetica e una serie di diapositive che riassumono la situazione trentina relativa al problema dell’eccesso ponderale.

In Trentino, lo stato nutrizionale della maggioranza della popolazione risulta nella norma ed è stabile nel tempo. Tuttavia, l’eccesso ponderale (sovrappeso e obesità) è comunque abbastanza diffuso (un adulto su tre e un bambino su 5) e costituisce quindi un problema di salute pubblica rilevante, anche se meno pronunciato rispetto ad altre realtà italiane.
L’eccesso ponderale aumenta con l’aumentare dell’età. Ne sono colpiti maggiormente gli uomini e le persone con basso livello di istruzione. Il territorio provinciale con più persone in eccesso ponderale è il distretto est, che comprende le comunità di valle di Alta e Bassa Valsugana, il Primiero e le valli di Fiemme e Fassa.
Molte persone in sovrappeso non si vedono troppo grasse e sono quindi poco inclini a cambiare stile di vita per rimettersi in forma. Medici e operatori sanitari sono interessati allo stato nutrizionale dei loro pazienti, ma dovrebbero impegnarsi di più nella prevenzione, cioè sostenere maggiormente i loro assistiti nella scelta di uno stile di vita salutare prima che siano obesi. L’obesità, soprattutto se associato a sedentarietà, diminuisce sia la durata che la qualità della vita e può provocare/aggravare molti problemi di salute (ipertensione, infarto, ictus, alcuni tumori, il diabete).
Le regole da rispettare per una sana alimentazione sono poche: non mangiare troppo, mangiare molta frutta e verdura (almeno 5 porzioni al giorno), poi riso, pasta e pane (meglio se integrali) o altri cereali e tuberi (tra cui le patate) o infine i legumi. La carne va bene solo in quantità moderate (non più di 2 volte alla settimana), da ridurre al minimo è la quantità di carni conservate (salame, lucaniche, ecc.). Il pesce è un alimento salutare (si consiglia di consumarlo almeno 2 volte alla settimana). Formaggi e uova sono da mangiare al posto della carne e non in aggiunta a essa. Il consumo di dolci (molto meglio se fatti in casa) dovrebbe essere contenuto. Condire con olio di oliva e con poco sale. Da evitare sono i cibi spazzatura e le bevande gassate e zuccherate.
Una sana alimentazione ha ancora più valore se nel contempo sia anche rispettosa dell’ambiente. Da questo punto di vista è da ridurre al minimo il consumo di carne (la produzione industriale di carne è tra i maggiori responsabili del riscaldamento globale) e sono da preferire alimenti prodotti localmente, frutta e verdura di stagione e da agricoltura biologica. (sb)

Qui di seguito si può scaricare il materiale informativo, visibile anche sul sito: www.trentinosalute.net

About VallediFassa.com

Blogger di www.valledifassa.com www.valledifiemme.it e www.predazzoblog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi